DR. TOMMASO BERNARDI OSTEOPATA D.O. DR. TOMMASO BERNARDI OSTEOPATA D.O.
- Banda Ileo Tibiale
- Cefalea
- Cervicalgia
- Colpo di Frusta
- Epicondilite
- Ernia Cervicale
- Ernia Lombare
- Spina Calcaneare/Fascite
- Gravidanza
- Lombalgia
- Osteopatia e Ortodonzia
- Osteopatia Viscerale
- Piede e Distorsione Caviglia
- Prima seduta di Osteopatia
- Pubalgia
- Scoliosi
- Sindrome del Tunnel Carpale
- Sindrome dello Stretto Toracico
- Sindrome Femoro Rotulea
- Spalla Dolorosa
- Trattamento Neonati
- Vertigine
- Vista e Postura
INDICAZIONI TERAPEUTICHE
CERVICALGIA
CERVICALGIA
La Cervicalgia, o dolore al collo, comunemente chiamata “cervicale” in maniera impropria, è un disturbo alquanto comune dove nella maggior parte dei casi, troviamo all'origine del dolore, un'alterazione non grave che interessa le strutture meccaniche situate nella regione delle vertebre cervico-dorsali: muscoli, legamenti, dischi intervertebrali, articolazioni posteriori che garantiscono sia il movimento (il collo ha un'estrema mobilità per consentire allo sguardo di orientarsi in tutte le direzioni), che il sostegno (il collo, struttura esile, sostiene la testa che è molto pesante); non solo, problemi viscerali (gastriti, ernie latali, coliti, congestione di fegato ecc) possono indurre tensioni fasciali che risalgono fino all'occipite condizionandone il movimento fisiologico delle strutture interessate.
CERVICALGIA  
Da non dimenticare l'articolazione temporo-mandibolare (ATM) dato che se presenta anomalie, potrà essere lo starter di tensioni muscolari del collo oltre che di frequenti cefalee; problemi di postura possono portare scompensi a carico della cervicale ed il motivo è semplice, la persona pur essendo inclinata su un lato corregerà il capo per avere uno sguardo orizzontale.Ulteriori fattori possono essere lo stress, la mancanza di movimento, una postura scorretta ed eventi traumatici tra i quali il più comune ed importante il colpo di frusta.
Il collo è progettato per il movimento, così come tutto il corpo. La nostra vita quotidiana, invece, ci costringe, nella maggior parte dei casi, a stare fermi, troppo fermi. Le richieste funzionali che facciamo al nostro collo sono inadeguate: si cerca un oggetto e, invece di girare la testa, si mantiene una postura fissa, si sta seduti davanti ad un computer e si tende ad allungare il collo. Queste situazioni portano, inevitabilmente, ad avere una contrattura della muscolatura fino a determinare delle lesioni sia al disco intervertebrale, che alle articolazioni (dipende da qual è l'anello debole). Con l'andare del tempo, infatti, queste microlesioni possono portare ad una patologia molto comune: l'artrosi; tale disturbo, che è legato al logoramento della cartilagine delle articolazioni e dei dischi intervertebrali, dovuto solitamente all'età, viene accelerato quando si effettuano movimenti non corretti e prolungati nel tempo. In persone particolarmente predisposte, questi microtraumi ripetuti possono arrivare a provocare, negli anni, problemi più gravi come l’ernia del disco.
La diagnosi è sempre clinica e richiede un anamnesi dettagliata del paziente per conoscere il suo stile di vita, un attento esame obiettivo per escludere o ricavare elementi di sospetto, per cui sarà necessario effettuare indagini diagnostiche come la RMN, l'elettromiografia (muscoli) e i potenziali evocati (midollo). Il trattamento Osteopatico mira a normalizzare tutte le strutture sopra descritte lavorando su muscoli contratti, vertebre ipomobili, fasce e quant’altro non è armonico con il resto del corpo.
CERVICALGIA