DR. TOMMASO BERNARDI OSTEOPATA D.O. DR. TOMMASO BERNARDI OSTEOPATA D.O.
- Banda Ileo Tibiale
- Cefalea
- Cervicalgia
- Colpo di Frusta
- Epicondilite
- Ernia Cervicale
- Ernia Lombare
- Spina Calcaneare/Fascite
- Gravidanza
- Lombalgia
- Osteopatia e Ortodonzia
- Osteopatia Viscerale
- Piede e Distorsione Caviglia
- Prima seduta di Osteopatia
- Pubalgia
- Scoliosi
- Sindrome del Tunnel Carpale
- Sindrome dello Stretto Toracico
- Sindrome Femoro Rotulea
- Spalla Dolorosa
- Trattamento Neonati
- Vertigine
- Vista e Postura

INDICAZIONI TERAPEUTICHE
OSTEOPATIA VISCERALE
OSTEOPATIA VISCERALE
L’Osteopatia ormai è abbastanza conosciuta per l’efficacia nei riguardi dei dolori muscolari, articolari, al rachide, al collo, ecc.; ancora non tutti conoscono il fatto che in osteopatia “viscerale” si possono risolvere disturbi quali stitichezza, gastriti, dolori di natura ginecologica, emorroidi, coliti, digestione lenta, problematiche al ciclo mestruale, ecc.
La condizione cardine per un trattamento Osteopatico è che si trattano persone con un disturbo funzionale il che vuol dire che si sono già rivolte ad un medico e questi ha escluso una patologia organica, per esempio: una donna che soffre di disturbi mestruali, si reca dal ginecologo che gli esclude tutte le cause organiche; questo è uno dei casi in cui il trattamento Osteopatico è indicato.
OSTEOPATIA VISCERALE  
I visceri sono avvolti da membrane di tessuto connettivo (fascia) a loro volta attaccate alle pareti del tronco e della colonna vertebrale; ogni volta che ci muoviamo gli organi devono seguire il movimento stesso permettendo alle strutture muscolo-scheletriche di svolgere la loro funzione. In presenza di aderenze e tensioni fasciali, questi movimenti possono essere ristretti ed alterare la funzionalità dell’organo stesso; condizione che poi creerà rigidità o dolore in qualunque parte del vostro corpo.
Nel trattamento Osteopatico si indagheranno le relazioni tra gli organi e le strutture muscolo-scheletriche e, tramite tecniche manuali specifiche si normalizzeranno quegli organi e quei visceri che ne hanno bisogno, in modo da ripristinare l’equilibrio necessario per esplicare una corretta fisiologia.